You are here: Home » Storia

Storia

1821, quando Fabian Gottlieb von Bellingshausen scoprì il continente antartico e creò lo Stato di Antarcticland per difendere le terre di ghiaccio che aveva scoperto. D’accordo con le storie che si raccontano questi soldati sono stati conosciuti come Cavalieri di Ghiaccio (a causa della loro forza e impassibilità). Nonostante questo, le leggende più accreditate e accettate raccontano che lo Zar ordinò ai suoi più fidati elementi del suo personale di sicurezza di conquistare nuove terre. Secondo gli storici, Alexander I li nominò “Cavalieri di Ghiaccio” (conosciuti come Cavalieri di Antarcticland) e concesse a Fabian Gottlieb von Bellinghausen la guida del gruppo, con il titolo di Principe. Quest’uomo era già tenente dei Cavalieri di Malta e accettò l’invito dello Zar. Fu poi nominato Gran Maestro dell’Ordine Segreto e ricevette uomini e imbarcazioni. Lo Zar rinunciò a favore di Gottlieb al possesso delle terre che la flotta avrebbe conquistato e il principe rimase al comando dei suoi uomini, un ristretto gruppo dei più fidati Cavalieri. Fece giurare a tutti che avrebbero mantenuto in segreto la loro esistenza, in modo da essere più effettivi nella protezione dello Zar dagli intrighi della nobiltà russa. Tutti i Cavalieri giurarono di mantenere il Sovrano Ordine nella massima segretezza e difendere il territorio di Antarcticland.

2007, quando Sua Altezza, il Principe Hans Gottlieb (figlio di Vater F. Gottlieb) nominò a Sua Altezza ilPrincipe Giovanni Caporaso Gottlieb come quarantaduesimo Gran Maestro del Sovrano Ordine dei Cavalieri di Antarcticland e Reggente di Antarcticland. Il Principe Giovanni Caporaso Gottlieb, consapevole della possibilità di estinzione dell’Ordine e la probabile occupazione del territorio da parte di altri Stati, sollevò i Cavalieri dal giuramento del segreto e attraverso una richiesta ufficiale di riconoscimento ha reclamato il territorio alle Nazioni Unite, mediante una notificazione della Corte Suprema di New York, in base alla legge Jus Gentium del diritto all’autodeterminazione dei popoli riconosciuto dalla Costituzione delle Nazioni Unite e da altri documenti regionali e internazionali, tra cui la Dichiarazione dei Principi del Diritto Internazionale concernenti le relazioni amichevoli e di cooperazione tra gli Stati adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1970, l’Atto di Helsinki, approvato dalla Conferenza per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (CSCE) nel 1975; il Capitolo africano dei diritti umani e civili del 1981; il Capitolo CSCE di Parigi per una Nuova Europa adottata nel 1990; la Dichiarazione di Vienna e il suo Programma d’Azione del 1993, poi confermato dalla Corte Internazionale di Giustizia della Namibia; il caso del Sahara Occidentale e Timor Est, in cui tale diritto è stato riconosciuto erga omnes.

Durante il secolo scorso, i Cavalieri persero una parte del territorio dell’Antartide che è stato reclamato da altre nazioni, ma il Sovrano Ordine dei Cavalieri di Antarcticland ha potuto proteggere il suo territorio attuale. La prova di questo è che nessun altro paese ha osato rivendicare quel territorio.

2011, quando Sua Altezza, il Principe Giovanni Caporaso Gottlieb rinunciò al titolo di Gran Maestro del Sovrano Ordine dei Cavalieri di Antarcticland e Reggente di Antarcticland e divise il territorio di Antarcticland in due principati, autoproclamandosi Principe di West Antarctic, che comprende il territorio, le isole e le acque territoriali che si estendono dal polo sud a 60 gradi di latitudine sud e tra 120 gradi a ovest e i 135 gradi ovest.

Sua Altezza, il Principe Giovanni Caporaso Gottlieb è nato in Italia, l’8 aprile 1960. È il figlio dell’economista italiano Mario Caporaso e della Principessa di Antarcticland Francesca Gottlieb. La principessa nacque a Graz (Austria), nello stato di Steiermark, prese poi la cittadinanza italiana per sfuggire alla persecuzione nazista della Gestapo durante la seconda guerra mondiale.

Il principe di West Antarctic, Giovanni Caporaso Gottlieb ha deliberato, nell’atto di abdicazione del luglio 2011, di affidare la Reggenza Politico-Governativa dello Stato di Antarcticland (quindi del Principato di Antarcticland e del Principato di West Antarctic) al Consiglio Supremo di Reggenza, al quale, a tutti gli effetti, è affidato lo Stato di Antarcticland ed il quale, attraverso i co-reggenti nominati, conferma, elegge, sospende, revoca, etc., secondo la Carta Costituzionale (Carta Magna) e le Leggi dello Stato, il Reggente pro-tempore ed i membri del Governo.